L’inclusione via web, buone prassi in tempo di Covid19